Volleyball World - News

PWA 230620 1932

Micah Christenson è senza dubbio uno dei migliori palleggiatori della pallavolo internazionale. Sotto la guida del talentuoso e carismatico hawaiano, la nazionale maschile degli Stati Uniti e i club in cui ha giocato hanno ottenuto grandi successi nel corso degli anni.

Micah non è stato solo un palleggiatore molto produttivo per le sue squadre, ma anche un compagno di squadra straordinario e un leader ispiratore, che dà il buon esempio, lavorando duramente ogni giorno e mettendo la squadra al primo posto in ogni fase del suo lavoro.

La mente di un palleggiatore può essere il suo migliore amico o il suo peggior nemico e, nel caso di Micah, è chiaramente il primo. A pochi mesi dal suo 30° compleanno, il bronzo olimpico di Rio 2016 pensa di essere ancora lontano dalla migliore versione di se stesso in campo e non c'è un solo giorno in cui non lavori per raggiungere questo obiettivo.

L'Intervista Esclusiva

"Penso di essere un buon palleggiatore, ma ci sono tante cose che possiamo migliorare come palleggiatori", ha detto. "Cerco sempre di imparare e di studiare il gioco il più possibile. Anche se si può dire che ho raggiunto un livello molto alto di palleggiatori, per me, personalmente, non importa se sono in questa fascia alta di palleggiatori o meno. Cerco di dare il meglio di me, di essere il miglior palleggiatore Micah Christenson possibile e penso di poter migliorare molto. Questa è la parte più eccitante: non sto cercando di fare paragoni, sto giocando come me stesso".

Lega Series Thumbnail MICAH
  • Watch Micah, The Setter’s full interview for free on VBTV.

Playing at the highest level of the sport since 2013, the American has had a lot of opportunities to learn over the years. With two Olympic appearances and wins and losses in each of the most important tournaments of international volleyball, there isn’t a lot he hasn’t seen on a volleyball court yet.

As a good student, he’s also been smart and humble enough to realize that there was a lot he could learn from those who were doing the exact same things he did on the other side of the net. With a full decade among the elite of the sport, Micah has faced the top setters from different generations and, after every match, he always had pages to take from their books.

Argentinean Luciano De Cecco has been among the best setters Micah has ever faced. The two have been opponents in Italy for six years, but, more than that, the Tokyo Olympic medalist has always been an inspiration to Micah because of his unique playing style.

“No one can replicate his hands. His technique is incredible and he’s got this specialness about him.”

Bruno Rezende and him have an interesting story, as the two switched clubs in 2018-2019, with the Brazilian going from Modena to Lube and Micah taking the opposite route. The captain of his country’s national team for a decade now, Bruno represents the kind of leadership Micah admires.

“He’s an incredible leader and an incredible setter, he’s a commander. He’s someone that definitely everyone can learn from.”

ITAXCZE 05

Giannelli's ability to play at a very high level from a young age was praised by Micah

Three years younger than Micah, Simone Giannelli is someone the American saw emerge, establish and thrive. The talented Italian inspires by his consistency and his all-around game, which very few setters have been able to replicate.

“He’s constantly been great, since he was young. Giannelli has everything you want in a setter and a player, he can do it all.”

Another Olympic medalist to draw Micah’s attention over the years is French Antoine Brizard. Although the two have never faced off in a national league, their meetings at the international level have made the American admire his opponent for his rare combination of skills and power.

“He’s so talented and super physical. He’s got that French setter style that’s very talented and tricky, but he’s a bigger player, so he blocks and serves really well too.”

Micah ha tutti gli strumenti per continuare a migliorare il suo gioco per diversi anni, ma ha già fatto pace con un fatto che può essere difficile da accettare per una persona così determinata e perfezionista: non arriverà mai al livello che vorrebbe.

"Ho intenzione di massimizzare il mio potenziale assoluto come palleggiatore, come giocatore di pallavolo e come leader, si spera", riflette l'americano. "Ma quando finirò la mia carriera, conoscendo me stesso e sapendo come opero, saprò che ci sono alcuni punti in cui posso ancora migliorare molto. Ma non mi preoccupo di dove arriverò quando il mio corpo dirà 'stop'. So che arriverò il più lontano possibile, perché il desiderio e la grinta non si fermeranno mai".

Quick links:
VBTV
Facebook
Instagram
YouTube
Subscribe to Volleyball World's Newsletter